L’ Internazionale

Così viene controllato il flusso di “notizie” dalla Siria

3b7e783bde7f45e85438a9614f335ec4Il mito del non-intervento occidentale, l’occultamento di verità scomode sull’opposizione, l‘intimidazione di quelli che mettono in discussione la narrazione e la presentazione dei propagandisti come esperti neutrali.

Investig’Action : In questo saggio Louis ALLDAY analizza la narrativa mainstream sulla Siria e i suoi vettori principali: il mito del non-intervento occidentale, l’occultamento di verità scomode sull’opposizione, l‘intimidazione di quelli che mettono in discussione la narrazione e la presentazione dei propagandisti come esperti neutrali.

Dal 2011 il flusso di analisi mal informate, inaccurate e spesso del tutto disoneste sugli eventi in Siria è stato inarrestabile. Ho già scritto sui pericoli dell’utilizzo di spiegazioni sempliciste per comprendere il conflitto, un problema che è emerso ripetutamente negli ultimi cinque anni. Tuttavia c’è un problema più grande. Il discorso mainstream sulla Siria è diventato così tossico, distaccato dalla realtà e privo di sfumature che chiunque abbia il coraggio anche solo di mettere in discussione l’impostazione della narrazione della ‘rivoluzione’ in corso, o si oppone agli argomenti di quelli che supportano l’imposizione di una no-fly zone da parte dell’Occidente, può aspettarsi una rapida punizione. Questi dissidenti sono immediatamente attaccati, spesso calunniati come ‘Assadisti’ o ‘Pro-Assad’ e accusati di mostrare una crudele indifferenza verso le sofferenze dei siriani. Una delle tante verità che si sono perse in questo discorso è che l’imposizione di una no-fly zone significherebbe, per usare le parole del più alto generale delle Forze Armate statunitensi, che gli Stati Uniti vanno in guerra “contro la Siria e la Russia”. Voglio essere chiaro dall’inizio che scrivo questo avendo vissuto in Siria e che porto nel cuore i ricordi di quel periodo. Sono in contatto con tanti amici siriani, molti dei quali ora sono rifugiati fuori dal loro paese. Quindi è particolarmente difficile per me ingoiare le accuse di insensibilità verso le sofferenze dei siriani e del loro paese. Nulla potrebbe essere più lontano dalla realtà. Read More

Il ruolo USA e gli attentati in Siria

a3537E’ noto in tutto il mondo che gli Stati Uniti, l’Unione Europea, la Turchia e le monarchie del Golfo hanno fondato, finanziato e armato l’ISIS. Il loro obiettivo è stato quello di smembrare la Siria e fondare nuovi stati fantoccio per rubare le ricchezze della regione.

Oggi, con i bombardamenti USA contro la Siria, il governo della Trump continua la politica dei presidenti precedenti. Attraverso questi bombardamenti, sostiene l’ISIS. Così facendo aumenta il rischio di una guerra generalizzata.

Read More

Dichiarazione del Consiglio Mondiale della Pace sull’attacco missilistico degli Stati Uniti contro obiettivi siriani

wpc_logoIl Consiglio Mondiale della Pace denuncia e condanna i recenti attacchi missilistici degli Usa contro obiettivi siriani del 6 Aprile, come un atto di ulteriore escalation dell’intervento imperialistico in Siria e nella regione, basato sul supposto utilizzo di armi chimiche nella città di Khan Sheikhoun, vicino ad Idlib da parte dell’esercito siriano, un crimine con moventi sospetti.

Il bombardamento della Siria costituisce non solo una violazione dei principi della Carta Onu, ma è anche la continuazione delle politiche americane della precedente amministrazione Usa, da parte dell’amministrazione Trump.

Dopo aver creato, addestrato e finanziato i gruppi mercenari dell'”Isis” e altri, gli Usa, la Nato e l’Unione Europea insieme ai loro alleati nella regione, stanno fornendo supporto a gruppi terroristi armati, attraverso gli attacchi all’esercito siriano, e non per la prima volta. Read More